About Us News

Prime Minister, Shri Narendra Modi at the World Sufi Forum, in New Delhi

Posted on: April 03, 2016 | Back | Print


Untitled Document

Text of PM’s address at the World Sufi Forum on March 17, 2016 
Discorso del Primo Ministro al World Sufi Forum 17 Marzo 2016

Text of PM’s address at the World Sufi Forum on March 17, 2016

Syed Mohammad Ashraf, Founder President, All India Ulama and Mashaik Board 
Shawki Ibrahim Abdel Karim Allam, Grand Mufti of Egypt, 
Shaykh Hashimuddin Al Gailani, from Baghdad 

Syed Minhaj Ur Rehman from Bangladesh 
Diwan Ahmed Masood Chisti from Pakistan 
Syed Nizami from Nizamuddin Dargah and Syed Chisti from Ajmer Sharif 
My ministerial colleagues, 
Scholars and Sufis from India 
Our guests from our neighbours and from nations far beyond, 

Welcome to a land that is a timeless fountain of peace, and an ancient source of traditions and faiths, which has received and nurtured religions from the world. 

Welcome to a people with an abiding belief in Vasudhaiva Kutumbakam, the World is one family. 

A belief in harmony with the message of Holy Quran that mankind were one community, then they differed among themselves, 

A creed echoed in the words of the great Persian Sufi poet Saadi, written in the United Nations, that human beings come from the same source: We are one family. 

Welcome to the ancient city of Delhi - built by the genius of diverse peoples, cultures and faiths. 

Like our nation, the city’s heart has place for every faith, from those with few followers to those with billion believers. 

Its magnificent shrines include the dargahs of great Sufi saints Mehboob-e-Ilahi and Hazrat Bakhtiyar Kaki, that draw people from all faiths and all corners of the world. 

This is an extraordinary event of great importance to the world, at a critical time for humanity. 

At a time when the dark shadow of violence is becoming longer, you are the noor, or the light of hope. 

When young laughter is silenced by guns on the streets, you are the voice that heals. 

In a world that struggles to assemble for peace and justice, this is an assembly of those whose life itself is a message of peace, tolerance and love. 

You have come from different lands and cultures, but you are united by a common faith. 

You speak different languages, but they blend together in a message of harmony. 

And, you represent the rich diversity of the Islamic civilization that stands on the solid bedrock of a great religion. 

It is a civilization that reached great heights by the 15th century in science, medicine, literature, art, architecture and commerce. 

It drew on the immense talents of its people and also Islam’s engagement with diverse civilizations – ancient Egypt, Mesopotamia and Africa; the Persian, Central Asian and Caucasian lands; the region of East Asia; and, with Buddhism and Indian philosophy and science. 

As it enriched itself, it also enriched the world. 

It set, once again, an enduring lesson of human history: it is through openness and enquiry, engagement and accommodation, and respect for diversity that humanity advances, nations progress and the world prospers. 

And, this is the message of Sufism, one of the greatest contributions of Islam to this world. 

From its origins in Egypt and West Asia, Sufism travelled to distant lands, holding aloft the banner of faith and the flag of human values, learning from spiritual thoughts of other civilisations, and attracting people with the life and message of its saints. 

In the different settings of Saharan Africa or in Southeast Asia, in Turkey or in Central Asia, in Iran or India, Sufism reflected the universal human desire to go beyond the practice and precepts of religion for a deeper unity with the Almighty. 

And, in that spiritual and mystical enquiry, Sufis experienced the universal message of Almighty: 

That perfection in human life is reflected in the qualities that are dear to God. 

That all are creations of God; and, that if we love God, we must also love all his creations. 

As Hazrat Nizamuddin Auliya said, “Almighty holds dear those who love Him for the sake of human beings, and those who love human beings for the sake of Almighty.” 

This is the message of oneness of humanity, of all of Almighty’s creations. 

For the Sufis, therefore, service to God meant service to humanity. 

In the words of Khwaja Moinuddin Chishti, of all the worships, the worship that pleases the Almighty God the most is the grant of relief to the humble and the oppressed. 

In a beautiful imagery of human values, he said, human beings must have the affection of the Sun, the generosity of the river and the hospitality of the earth, because they benefit us all, without discrimination and distinction among people. 

And, its humanism also upheld the place and status of women in society. 

Above all, Sufism is a celebration of diversity and pluralism, expressed in the words of Hazrat Nizamuddin Auliya, that every people has its own path of truth, beliefs and focus of reverence. 

These words reflect the divine message to the Holy Prophet that there is no compulsion in religion; And also that to every people we have appointed ways of worship which they observe. 

And, it is in harmony with the soul of the Bhakti saint’s saying in the Hindu tradition, “Into the bosom of the one great sea, Flow streams that come from hills on every side.” 

And in the wisdom of Bulleh Shah, “Lord is mixed in every heart.” 

These values are the need of our times. 

This is the reality of Nature. We learn this wisdom in the perfect balance and harmony that exists in the vast diversity of a forest. 

Its message is beyond the confines of schools and sects. It’s a spiritual quest that traces its origin from the Holy Prophet and the fundamental values of Islam, which literally means peace. 

And, it reminds us that when we think of the 99 names of Allah, none stand for force and violence, and that the first two names denote compassionate and merciful. Allah is Rahman and Raheem. 

Sufism is the voice of peace, co-existence, compassion and equality; a call to universal brotherhood. 

And, just as India became a principal center of Islamic civilization, our nation also emerged as one of the most vibrant hubs of Sufism. 

Sufism became the face of Islam in India, even as it remained deeply rooted in the Holy Quran, and Hadis. 

Sufism blossomed in India’s openness and pluralism. It engaged with her spiritual tradition, and evolved its own Indian ethos. 

And, it helped shape a distinct Islamic heritage of India. 

We see this heritage in the fields of art, architecture and culture that is part of the fabric of our nation and our collective daily lives. 

We see it in the spiritual and intellectual tradition of India. 

It helped strengthen the inclusive culture that is our great nation’s immense contribution to the cultural tapestry of this world. 

In Baba Farid’s poetry or Guru Granth Sahib, we feel the same spiritual connection. 

We see compassion in the langars of Sufi shrines and the village tombs of local Pirs that attracted the poor and hungry; 

The words of Hindavi were spoken in the Sufi Khanqahs. 

Sufism’s contribution to poetry in India is huge. Its impact on the development of Indian music is profound. 

None had a greater impact than the Sufi poet-musician Amir Khusrau. Eight centuries later, his poetry and musical innovation continue to be part of the soul of Hindustani music. No one had spoken of Indian music with such passion as he had. 

Who else could have expressed love for India so beautifully as he did: 

“But India, from head to toe, is a picture of heaven, 

Adam came from the palace of paradise, 

He could only be sent to an orchard of fruits that is India. 

If India is not paradise, how could it be made the abode of the peacock, the bird of paradise?” 

It is this spirit of Sufism, the love for their country and the pride in their nation that define the Muslims in India. 

They reflect the timeless culture of peace, diversity and equality of faith of our land; 

They are steeped in the democratic tradition of India, confident of their place in the country and invested in the future of their nation; 

And, above all, they are shaped by the values of the Islamic heritage of India. It upholds the highest ideals of Islam and has always rejected the forces of terrorism and extremism. 

Now, as they travel to different parts of the world, they are the ambassadors of the values and traditions of our nation. 

As a nation, we stood against colonialism and in our struggle for freedom. 

At the dawn of independence some chose to go away; and, I believe, that it also had to do with the colonial politics of that time. 

The tallest of our leaders, such as Maulana Azad, and important spiritual leaders, such as Maulana Hussain Madani, and millions and millions of ordinary citizens, rejected the idea of division on the basis of religion. 

Now, India is moving forward on the strength of the struggles, the sacrifices, the bravery, the knowledge, the skill, the art and the pride of every member of every faith in our diverse and yet united nation. 

Like the strings of sitar that each produces a note, but come together to create a beautiful melody. 

This is the spirit of India. This is the strength of our nation. 

All our people, Hindus, Muslims, Sikhs, Christians, Jains, Buddhists, the micro-minority of Parsis, believers, non-believers, are an integral part of India. 

Just as it once came to India, today Sufism from India has spread across the world. 

But, this tradition that evolved in India belongs to the whole of South Asia. 

That is why I urge others in the region to nurture and revive this glorious heritage of ours. 

When the spiritual love of Sufism, not the violent force of terrorism, flows across the border, this region will be the paradise on earth that Amir Khusrau spoke about. 

Let me paraphrase what I have said before: Terrorism divides and destroys us. 

Indeed, when terrorism and extremism have become the most destructive force of our times, the message of Sufism has global relevance. 

In the centres of conflict in West Asia to calm cities in distant countries, in the remote villages of Africa to the towns in our own region, terrorism is a daily threat. 

Each day brings us terrible news and horrifying images: 

• of schools turned into graveyards of innocence; 
• of prayer gatherings turned into funeral processions, 
• of call to prayer or Azaan drowned by the sound of explosion; 
• of blood on the beach, massacres in malls and smouldering cars on streets; 
• of thriving cities ruined and priceless heritage destroyed; 
• and, of parents bearing coffins, entire communities dislocated, millions displaced, and refugees caught between fire and stormy seas. 

In this digital century of new promise and opportunities, the reach of terror is growing and its toll is rising every year. 

Since the beginning of this century, tens of thousands of families have lost their loved ones in thousands of terrorist incidents globally. 

Last year alone, I am talking about 2015, over 90 countries experienced terrorist attacks. Parents in 100 countries live with the daily pain of their children lost to the battlefields of Syria. 

And, in a globally mobile world, one incident can claim citizens of many nations. 

Every year, we spend over 100 billion dollars on securing the world from terrorism, money that should have been spent on building lives of the poor. 

The impact cannot be fully captured in statistics alone. It is changing the way we live. 

There are forces and groups that are instruments of state policy and design. There are others recruited to the cause in misguided belief. 

There are some who are trained in organized camps. There are those who find their inspiration in the borderless world of cyber space. 

Terrorism uses diverse motivations and causes, none of which can be justified. 

Terrorists distort a religion whose cause they profess to support. 

They kill and destroy more in their own land and among their own people than they do elsewhere. 

And, they are putting entire regions to peril and making the world more insecure and violent. 

The fight against terrorism is not a confrontation against any religion. It cannot be. 

It is a struggle between the values of humanism and the forces of inhumanity. 

It is not a conflict to be fought only through military, intelligence or diplomatic means. 

It is also a battle that must be won through the strength of our values and the real message of religions. 

As I have said before, we must reject any link between terrorism and religion. Those who spread terror in the name of religion are anti-religious. 

And, we must advance the message of Sufism that stands for the principles of Islam and the highest human values. 

This is a task that states, societies, sages, scholars and families must pursue. 

However, to me, the message of Sufism is not just confined to combating terrorism. 

The values of harmony, welfare, compassion and love for human beings are the foundation of a just society. 

That is the principle behind my creed of “Sab Ka Saath, Sab Ka Vikaas”. 

And, these values are important to preserve and nurture diversity in our societies. 

Diversity is a basic reality of Nature and source of richness of a society; and, it should not be a cause of discord. 

We need just not constitutional provisions or legal safeguards, but also social values to build an inclusive and peaceful society, in which everyone belongs, secure about his rights and confident of her future. 

This is also a time of great flux and transition in the world. The middle of the last century was an important turning point in history. A new world order emerged. Many new nations were born. 

At the beginning of a new century, we are at yet another point of transformation on a scale rarely seen in human history. 

In many parts of the world, there is uncertainty about the future, and how to deal with it as nations and societies. 

These are precisely the times that the world is most vulnerable to violence and conflicts. 

The global community must be more vigilant than ever before and counter the forces of darkness with the radiant light of human values. 

So, let us remember the teaching of Holy Quran that if anyone slew one innocent person, it would be as if he slew a whole people; if anyone saved one life, it would be as if he saved a whole people. 

Let us be inspired by the message of Hazrat Moinuddin Chishti, 

With your spiritual light, dissolve the clouds of discord and war and spread goodwill, peace, and harmony among the people. 

Let us remember the infinite humanism in Sufi poet Jalaluddin Rumi's words, “Contain all human faces in your own, without any judgment of them.” 

Let us also live the sermon of Bible that calls us to do good, seek peace and pursue it. 

And, oneness in Kabir’s observation that a river and its waves are one. 

And, Guru Nanak Devji’s prayer that Lord, may everyone in the world prosper and be in peace. 

Let us be inspired by Swami Vivekananda’s appeal against divisions and for people of all religions to hold the banner of harmony, not of dispute. 

Let us also reaffirm the enduring message of Ahimsa of Lord Buddha and Mahavira. 

And, from this forum, in this land of Gandhi, 

And, of timeless prayers that always end with invocation of 

Om Shanti; Shanti; Shanti: Peace, Peace, Peace,; Peace within and in the world. 

Let us, therefore, send a message to the world: 

• A melody of harmony and humanity
• The embrace of diversity, the spirit of oneness 
• Of service with compassion and generosity,
• A resolve against terrorism, a rejection of extremism
• And, a determination to advance peace

Let us challenge the forces of violence with the kindness of our love and universal human values. 

and Lastly, Let us restore the light of hope and turn this world into a garden of peace. 

Thank you for being here. Thank you for what you stand for. Thank you for the role you are playing in building a better world. Thank you very much, Thanks a lot. 

***
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Discorso del Primo Ministro al World Sufi Forum (17 Marzo 2016)

Syed Mohammad Ashraf, Presidente Fondatore, All India Ulama and Mashaik Board 
Shawki Ibrahim Abdel Karim Allam, Gran Mufti d’Egitto, 
Shaykh Hashimuddin Al Gailani, da Baghdad 

Syed Minhaj Ur Rehman dal Bangladesh 
Diwan Ahmed Masood Chisti dal Pakistan 
Syed Nizami dal Nizamuddin Dargah e Syed Chisti da Ajmer Sharif 
Colleghi, 
Studiosi e Sufi dall’India, 
Ospiti dai paesi vicini e dalle nazioni piu’ lontane,  

Benvenuti in una terra che da tempo immemore è sorgente di pace, antico scrigno di tradizioni e fedi, che ha avuto in dono e coltivato religioni provenienti da tutto il mondo.  

Benvenuti tra una popolazione che crede profondamente nel Vasudhaiva Kutumbakam, il Mondo è una sola famiglia.  

Credere nell’armonia con il messaggio del Sacro Corano: l’umanità è una sola comunità anche se gli uomini sono diversi tra di loro. 

Un credo che trova eco nelle parole del grande poeta Sufi, il persiano Saadi, parole fatte proprie dalle Nazioni Unite: gli esseri umani hanno tutti la stessa origine: siamo una sola famiglia.  

Benvenuti nell’antica città di Delhi – costruita grazie al talento scaturito da persone, culture e fedi differenti.

Come avviene nella nostra nazione, nel cuore della città trovano posto fedi differenti, da quelle che annoverano pochi seguaci a quelle con milioni di credenti.

I suoi magnifici santuari includono i dargah di grandi santi sufi come Mehboob-e-Ilahi e Hazrat Bakhtiyar Kaki, che attirano persone di confessioni religiose diverse, provenienti da ogni angolo del mondo.


Questo è un evento straordinario di grande importanza per il mondo, in un momento critico per l’umanità.

In un periodo in cui l’ombra oscura della violenza si allunga sempre più, Voi siete “noor”, la luce della speranza.  

Quando le risate giovanili vengono spente da spari nelle strade, voi siete la voce che guarisce. 

In un mondo che fa fatica a fare fronte comune in nome della pace e della giustizia, questa è un’assemblea di persone le cui vite rappresentano esse stesse un messaggio di pace, tolleranza e amore.  

Voi provenite da terre e culture diverse ma siete uniti da una fede comune.  

Parlate lingue differenti ma esse si fondono assieme in un messaggio di armonia.  

Voi rappresentate la ricca diversità della civiltà islamica che si erge sul solido fondamento di una grande religione.


Si tratta di una civiltà che ha raggiunto traguardi importanti nel XV secolo in campi come la scienza, la medicina, la letteratura , l’arte, l’architettura e il commercio.


Ha attinto all’immenso talento della sua gente e al legame tra l’Islam e civiltà diverse – l’antico Egitto, la Mesopotamia e l’Africa; le terre persiane, dell’Asia Centrale e del Caucaso; la regione dell’Africa orientale; il Buddismo e la filosofia e la scienza dell’India.

Si arricchiva e al contempo arricchiva il mondo.

Ha, ancora una volta, impartito una lezione di storia umana destinata a durare nel tempo: è attraverso l’apertura e la ricerca, l’impegno e la conciliazione, e il rispetto per la diversità , che l’umanità avanza , le nazioni progrediscono e il mondo prospera.


Questo è il messaggio del Sufismo, uno dei più grandi contributi che l’Islam ha dato al mondo.


Dalle sue origini in Egitto e nell’Asia occidentale, il Sufismo ha viaggiato in terre lontane, tenendo alto il vessillo della fede e la bandiera dei valori umani, imparando dalle concezioni spirituali di altre civiltà e attirando l’interesse delle persone con la vita e i mesasggi dei suoi santi.


In ambiti diversi, dall’Africa Sahariana all’Asia sud-orientale, in Turchia o in Asia Centrale, in Iran o in India , il Sufismo ha rispecchiato il desiderio universale dell’uomo di andare oltre la pratica e i precetti religiosi per aspirare ad un’unità più profonda con l’Onnipotente.


E , in questa ricerca mistica e spirituale, i Sufi hanno sperimentato il messaggio universale dell’Onnipotente: 

La perfezione nella vita umana si riflette nelle qualità che sono care a Dio  

Tutto è una creatura di Dio; se amiamo Dio, dobbiamo anche amare tutte le sue creature.


Come disse Hazrat Nizamuddin Auliya, “l’Onnipotente ha cura di coloro che Lo amano per amore degli esseri umani, e coloro che amano gli esseri umani per amore dell’Onnipotente.” 

Questo è il messaggio di unità dell’umanità, di tutte le creature dell’Onnipotente.

Per i Sufi, perciò, il servizio reso a Dio significa servizio all’umanità.


Nelle parole di Khwaja Moinuddin Chishti, tra tutte le forme di devozione, quella che fa più piacere a Dio l’Onnipotente è il conforto reso agli umili e e gli oppressi.


Volendo dare una bella raffigurazione ai valori umani, ha detto, gli esseri umani devono avere l’affetto del Sole, la generosità dei fiumi e l’ospitalità della terra, perchè da essi noi tutti traiamo beneficio, senza discriminazione o distinzione tra le persone.


Il suo umanesimo ha inoltre sostenuto la collocazione e lo status delle donne nella società.

Ma più di ogni altra cosa, il Sufismo è la celebrazione della diversità e del pluralismo , espresso nelle parole di Hazrat Nizamuddin Auliya, che diceva che ogni persona ha il proprio percorso di verità e fede e il proprio oggetto di venerazione.

Queste parole riflettono il messaggio divino al Santo Profeta che non esiste costrizione nella religione; e che ci sono diversi modi di esprimere la propria devozione.

In armonia con lo spirito della frase del santo Bhakti riportata dalla tradizione induista: “Al centro di un solo grande mare, fluiscono correnti che provengono da tutte le colline circostanti.” 

E nella saggezza di Bulleh Shah: “Il Signore sta in ogni cuore.” 

Questi valori rappresentano le esigenze dei nostri tempi.


Questa è la realtà della natura. Impariamo la saggezza nel perfetto equilibrio e nell’armonia che esiste nella vasta diversità di una foresta. Questa è la realtà della Natura.

Il suo messaggio va oltre i confini di scuole e sette. E’ una ricerca spirituale che risale al Sacro Profeta e trova le sue origini nei valori fondamentali dell’Islam , che significa letteralmente pace.


E ci ricorda che quando pensiamo ai 99 nomi di Allah, nessuno rimanda a forza e violenza, e che i primi due nomi denotano compassione e misericordia. Allah è Rahman e Raheem. 

Il Sufismo è la voce della pace, della coesistenza, della compassione e dell’eguaglianza; un appello alla fratellanza universale.


E proprio mentre l’India assurgeva a fulcro principale della civiltà islamica, al tempo stesso la nostra nazione emergeva come uno tra i più vitali centri del Sufismo.


Il Sufismo è diventato il volto dell’Islam in India , profondamente radicato nel Sacro Corano e gli Hadis. 

Il Sufismo è sbocciato nel clima di apertura e pluralismo dell’India. E’ entrato in contatto con la sua tradizione spirituale sviluppando il proprio ethos indiano.


Ed ha contribuito a forgiare una distinta tradizione islamica dell’India.

Possiamo notare questa tradizione in campi come quello dell’arte , dell’architettura e della cultura che fanno parte del tessuto di cui sono fatte la nostra nazione e la vita quotidiana di noi tutti.


La notiamo nella tradizione spirituale e intellettuale dell’India.


Ha aiutato a rafforzare la cultura inclusiva che rappresenta l’immenso contributo del nostro grande paese al tessuto culturale di questo mondo.


Nei poemi di Baba Farid o Guru Granth Sahib, avvertiamo la stessa connessione spirituale.


Notiamo la compassione nei langar dei santuari Sufi e presso le tombe dei villaggi dei Pir locali che accolgono i poveri e gli affamati; 

Le parole di Hindavi risuonavano nei Khanqah Sufi. 

Il contributo del Sufismo alla poesia in India è immenso. Come profondo è il suo impatto sugli sviluppi della musica indiana. 

Nessuno ha avuto maggiore influenza del poeta-musicista Sufi Amir Khusrau. Otto secoli dopo, la sua poesia e le innovazioni che ha apportato in campo musicale continuano a far parte dell’anima della musica hindustani. Nessuno è mai riuscito a parlare di musica indiana con la stessa passione di cui egli era invece animato.


Chi altro poteva esprimere così meravigliosamente il proprio amore per l’India come ha fatto invece lui:

Ma l’India, da cima a piedi, è una rappresentazione del paradiso,


Adamo è venuto dal palazzo del paradiso,

per poter essere mandato in questo giardino di frutta che è l’India.

Se l’India non è il paradiso, come mai allora è divenuta il regno del pavone, l’uccello del paradiso?” 

Questo è lo spirito del Sufismo, l’amore per il paese e l’orgoglio per la nazione, che caratterizza i Musulmani in India.

Essi riflettono l’eterna cultura di pace, diversità e eguaglianza delle religioni della nostra terra; 

Fanno parte della tradizione democratica dell’India, certi della loro posizione nel paese e coinvolti nel futuro della loro nazione; 

E, soprattutto, essi sono stati forgiati dai valori dell’eredità islamica dell’India che sostiene i più alti ideali dell’Islam e ha sempre combattuto forze come il terrorismo e l’estremismo.


Oggi, quando viaggiano nei diversi luoghi del mondo, essi sono gli ambasciatori dei valori e delle tradizioni del nostro paese.


Come nazione, ci siamo opposti al colonialismo, impegnandoci nella lotta per la libertà . 

All’alba dell’indipendenza, alcuni decisero di andare via; e credo che ciò abbia avuto a che fare anche con la politica coloniale di quel tempo.

Leader come Maulana Azad, e importanti capi spirituali come Maulana Hussain Madani, e milioni e milioni di comuni cittadini, rigettarono l’idea di una divisione sulla base della religione.  

Oggi l’India sta andando avanti grazie alle lotte, ai sacrifici, al coraggio, al sapere, all’abilità , all’arte e all’orgoglio dei membri delle singole fedi religiose nella nostra nazione, unita pur nella diversità.


Proprio come le corde di un sitar che prese singolarmente ciascuna emette una nota, ma insieme producono una armoniosa melodia. 

Questo è lo spirito dell’India. Questa è la forza della nostra nazione.


Tutta la nostra gente, hindu, musulmani , sikh, cristiani, jainisti, buddisti, la micro-comunità dei Parsi , credenti e non credenti , tutti sono parte integrante dell’India.  

Come a sua tempo è giunto in India, oggi dall’India il Sufismo si è diffuso in varie parti del mondo.


Ma questa tradizione che si è sviluppata in India appartiene a tutta l’Asia meridionale.

Ecco perchè esorto coloro che abitano in questa regione a coltivare e riscoprire questa nostra gloriosa tradizione.

Quando l’amore spirituale del Sufismo, e non la forza violenta del terrorismo, fluirà attraverso i confini, questa regione diventerà il paradiso in terra di cui parlava Amir Khusrau. 

Parafrasando ciò che ho detto in precedenza: il Terrorismo divide e ci distrugge.

Senza dubbio, quando il terrorismo e l’estremismo diventano le forze più distruttive dei nostri tempi, il messaggio del Sufismo acquista una rilevanza mondiale.

Nei luoghi al centro di conflitti nell’Asia occidentale, nelle tranquille cittadine di paesi lontani, nei villaggi remoti dell’Africa, nelle città della nostra regione, il terrorismo rappresenta una minaccia quotidiana.

Ogni giorno che passa si hanno notizie terribili ed immagini orribili:

di scuole trasformate in cimiteri di innocenza; 
• di incontri di preghiera che diventano processioni funebri, 
• di chiamate alla preghiera o Azaan soffocate dal suono di esplosioni,
• di sangue su spiagge, massacri nei centri commerciali e macchine date alle fiamme nelle strade;  
• di città fiorenti distrutte e di un patrimonio culturale di valore inestimabile devastato; 
• e di genitori che sorreggono feretri , intere comunità evacuate, milioni di sfollati e rifugiati intrappolati tra fuoco e mari in tempesta. 

In questo secolo digitale di nuove promesse e opportunità , la morsa del terrore sta allungando la sua presa e il suo bilancio cresce di anno in anno.  

Dall’inizio di questo secolo , decine di migliaia di famiglie hanno perso i loro cari nel corso di attacchi terroristici in tutto il mondo.


Solo l’anno scorso, sto parlando del 2015, oltre 90 paesi sono stati colpiti da attacchi terroristici. Genitori sparsi in 100 paesi convivono con il dolore quotidiano della perdita dei loro figli nei campi di battaglia in Siria.

E in un mondo in continuo movimento , un attacco può causare vittime tra cittadini di nazioni diverse.  

Ogni anno spendiamo oltre 100 miliardi di dollari per difendere il mondo dal terrorismo, soldi che dovrebbero essere spesi per aiutare i poveri a costruirsi una vita.

L’impatto non puo’ essere calcolato solo ricorrendo alle statistiche. Sta cambiando la maniera in cui viviamo.

Ci sono forze e gruppi che sono strumenti di una politica e di un disegno di uno stato. Altri vengono arruolati alla causa grazie a ideali manipolati.

Alcuni vengono addestrati in campi organizzati. Ci sono altri che trovano ispirazione nel mondo privo di confini del cyberspazio.

Il terrorismo usa diverse motivazioni e cause , nessuna delle quail trova giustificazione.  

I terroristi distorcono una religione che invece dichiarano di professare.


Uccidono e distruggono maggiormente nella loro stessa terra e tra la loro stessa gente che altrove.  

E mettono in pericolo intere regioni rendendo il mondo più insicuro e violento.


La lotta contro il terrorismo non è una battaglia contro una religione. Non può esserlo.


E’ una lotta tra I valori dell’umanesimo e le forze della barbarie.

Non è un conflitto da combattere solo attraverso l’intervento militare, dell’intelligence o della diplomazia.

E’ anche una battaglia che deve essere vinta attraverso la forza dei nostri valori e il vero messaggio delle religioni.

Come ho detto in precedenza, dobbiamo rifiutare l’idea di un legame tra terrorismo e religione. Coloro che seminano il terrore nel nome della religione sono anti-religiosi.  

Dobbiamo portare avanti il messaggio del Sufismo che propugna i principi dell’Islam e i più alti valori umani.


Questo è un compito che gli stati, le società, i saggi, gli studiosi e le famiglie devono far proprio.


Tuttavia, per me , il messaggio del Sufismo non è rivolto solo a combattere il terrorismo.  

I valori di armonia, benessere, compassione e amore per gli esseri umani sono il fondamento di una società giusta.


Questo è il principio dietro alla mia fede in “Sab Ka Saath, Sab Ka Vikaas”. 

Questi valori sono importanti per preservare e coltivare la diversità nelle nostre società.


La diversità è una realtà fondamentale della Natura e fonte di ricchezza di una società e non dovrebbe essere causa di discordia.


Non abbiamo solo bisogno di dettami costituzionali o garanzie giuridiche ma anche di valori sociali per costruire una società pacifica e inclusiva, alla quale ognuno senta di appartenere nella certezza dei suoi diritti e sicuro del proprio futuro.

Questo è anche il tempo di grandi mutamenti e transizioni nel mondo. Nella metà del secolo scorso si è verificata una importante svolta nella storia. E’ scaturito un nuovo ordine mondiale. Si è assistito alla nascita di molte nuove nazioni.

All’inizio del nuovo secolo, siamo di nuovo di fronte ad un altro momento di trasformazione in una misura che raramente si è avuto modo di vedere in passato, nel corso della storia dell’uomo.


In molte parti del mondo , c’è incertezza rispetto al futuro e su come rapportarsi ad esso come nazione e società.


Questo è precisamente il tempo in cui il mondo è maggiormente vulnerabile rispetto a violenza e conflitti.


La comunità mondiale deve essere più vigile che mai, opponendo alle forze dell’oscurità la luce radiosa dei valori umani.  

Ricordiamo dunque gli insegnamenti del Sacro Corano in base ai quali, se uno uccide una persona innocente è come se avesse ammazzato un’intera popolazione; se uno salva una vita, è come se avesse salvato un intero popolo.


Dobbiamo trarre ispirazione dal messaggio di Hazrat Moinuddin Chishti, 

Con la tua luce spirituale, fai dissolvere le nuvole della discordia e della guerra e semina benevolenza, pace e armonia tra la gente.


Ricordiamo l’infinito umanesimo delle parole del poeta Sufi Jalaluddin Rumi “Accogli tutti i volti della gente nel tuo, senza esprimere alcun giudizio su di essi.” 

Facciamo inoltre nostro il sermone della Bibbia che ci richiede di fare del bene , di cercare e mantenere la pace.  

E l’armonia nell’osservazione di Kabir che un fiume e le sue onde sono una sola cosa.

E la preghiera di Guru Nanak Devji: Signore, fai che tutti gli esseri del mondo prosperino e stiano in pace.


Traiamo ispirazione dall’appello di Swami Vivekananda contro le divisioni, affinchè gli esseri umani di tutte le religioni possano portare alto il vessillo dell’armonia e non quello della contesa.


Riaffermiamo anche il messaggio eterno dell’Ahimsa del Buddha e Mahavira. 

E, da questo consesso, in questa che è anche la terra di Gandhi, 

E di preghiere eterne che sempre terminano con l’ invocazione di


Om Shanti; Shanti; Shanti: Pace, Pace, Pace; Pace all’interno e nel mondo. 

Mandiamo allora un messaggio al mondo: 

• Una melodia di armonia e umanità
• L’abbraccio della diversità, lo spirito dell’armonia 
• Del servizio reso con compassione e generosità

Determinazione contro il terrorismo, rifiuto dell’estremismo

e risolutezza nell’affermare la pace.


Sfidiamo le forze della violenza con la gentilezza del nostro amore e dei valori umani universali.


Per concludere, diamo di nuovo spazio alla luce della speranza e trasformiamo questo mondo in un giardino di pace.

Grazie della vostra presenza qui. Grazie per tutto ciò di cui siete fautori. Grazie per il ruolo che ricoprite nella costruzione di un mondo migliore. Vi ringrazio davvero molto.

***



News